DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA :

Carnevale 

Gite Sociali

Ciclotur.

Ventennio

Venticinqu.

Seminario

Trentennio

Promozione

Commedia

Libro celebrat.

Trentacinque

 

Home Page

Pagina 2

Pagina 3

Pagina 4

 

 

   
Pagina 1

ATTIVITA' DELL'ASSOCIAZIONE

Dalla relazione del Presidente all'Assemblea dei Soci del 22/02/2014

 

        Carissimi  Soci,

   Il 2013 è stato un anno particolare perchè contrassegnato da un rinnovamento determinato da disposizioni legislative nazionali e regionali che hanno prodotto notevoli modifiche nel processo delle attività di raccolta ed in tutta l'organizzazione che presiede a tale attività, sia per quanto concerne la "Qualità" sia per quanto concerne la "Tracciabilità".

       E' finito il tempo pionieristico della donazione braccio a braccio, i grandi passi compiuti dalla scienza e dal mondo della ricerca trasfusionale e quindi i risultati da essa ottenuti permettono oggi di garantire e tutelare la salute del donatore e quella del ricevente.

       Non più una donazione "al buoio" ma un gesto controllato e monitorato, a tutela della privacy e della salute.

   Prima di passare all'esame della normativa proposta, ho visto impegnato tutto il gruppo dirigente della nostra sezione, in piena collaborazione con le altre AVIS della provincia e con il SIMT di riferimento e quello di Trapani al fine di tracciare una linea comune di attività nelle diverse procedure che portano a tutta l'organizzazione della donazione.

   A tal proposito ritengo opportuno ringraziare i componenti del Consiglio Direttivo per l'attività profusa nel trascorso anno sociale e del Collegio dei Revisori per i suggerimenti in riferimento all'attività di competenza.

   Anche quest'anno per un soffio ci è sfuggita la meta agognata delle ottocento unità. Infatti il numero delle unità trasfusionali si è fermato a 796. Comunque esprimiamo la vivissima soddisfazione per avere raggiunto un grande traguardo, un percorso nè semplice nè facile. Basti pensare al problema dei locali per le raccolte nel periodo estivo a Tre Fontane, in considerazione che la Commissione Straordinaria presso il Comune, a breve distanza di tempo dall'inizio delle giornate di raccolta, ha comunicato che non poteva assegnare all'AVIS i locali per effettuare le raccolte programmate in quanto destinati ad altre attività, nella fattispecie un servizio di bancomat mai entrato in funzione.

      Di conseguenza si è dato corso alla ricerca di un locale idoneo per lo svolgimento delle attività previste per le raccolte e soprattutto ubicoto nella zona in prossimità della piazza Favoroso, per favorire i donatori nel raggiungimento della sede, mentre per quanto riguarda Torreta Granitola per la sede estiva veniva confermata la disponibilità della Lega Navale, il cui Presidente è un donatore periodico.

   La sede in Tre Fontane è stata individuata nella via Scuderi in pieno centro. Naturalmente con notevole aggravio di spesa e senza un benchè minimo contributo da parte della pubblica Amministrazione, nonostante la regolare richiesta avanzata alla Commissione Straordinaria presso il Comune.I Donatori hanno apprezzato la scelta e le giornate di raccolta sono state fruttuose.  

   Un lavoro certosino per la realizzazione di una capillare attività di propaganda: dalle locandine ai volantini, ai messaggi tramite sms, al concerto bandistico in piazza e alla propaganda sonora.

   Particolare importanza viene assegnata alle prime donazioni che costituiscono il frutto di una continua e pressante attività propagandistica e di sensibilizzazione soprattutto dei giovani.

   Di seguito si riportano i dati riassuntivi dell'attività di raccolta del decoro anno:

 
- Numero dei Soci iscritti al 31/12/2013                        

386

- Numero dei donatori

456

- Numero delle donazioni effettuate nell' URF

796

- Numero dei giovani alla prima donazione

69

- Indice di donazione (rif.a n.11.090 abitanti)

7,20%

     Da una analisi attenta delle cifre emerge chiaramente come la gioventù si avvicina all'AVIS con fiducia e matura consapevolezza della loro funzione e responsabilità.

   Infatti come si evince dal prospetto sopra riportato, le prime donazioni hanno raggiunto la cifra di 69 unità che fa ben sperare per le raccolte nei prossimi anni.

   Certamente non bisogna "cullarci" anzi direi è necessario riscaldare come si suol dire i motori. Ma, in premessa, avevamo avviato il discorso sul rinnovamento e la necessità di predisporre atti, strutture e mezzi indispensabili per chiedere ed ottenere il riaccreditamento del nostro Centro di raccolta.

   Il rinnovamento riguarda tutto l'intero processo organizzativo e sanitario. Dalla compilazione del modulo di accettazione alla donazione alla visita sanitaria, al prelievo,al trasporto e alla consegna delle unità emotrasfusionali al SIMT di Marsala; avendo cura di monitorare tempi di donazione, quantità e tempi di consegna e quant'altro occorra per raggiungere l'obiettivo fondamentale della "qualità". Per predisporre tutti "requisiti minimi" previsti dalle normative nazionale e regionale, nonchè le indicazioni del SIMT di Marsala.

   Nei tempi e nei modi previsti è stata nominata la Persona Responsabile e il Responsabile della Qualita', la prima nella persona del dr. Giovanni Errante e la seconda nella persona del Prof. Antonino  Accardo. Sono stati predisposti i Manuali della Qualità e i Manuali delle Procedure e gli stessi dati sono trasmessi per via informatica all'Ispettorato Reg. alla Sanità.

   L'istanza per l'accreditamento è stata presentato entro il termine del 30/11/2013, così come richiesto dalla legge. Da sottolineare che sono state acquistate nuove bilance pesa sacche con il dispositivo temporizzatore, predisposto il piano per la compilazione del modulo di accettazione da parte del donatore e i vani materiale pulito e materiale a rischio biologico.

 

Home Page

Pagina 2

Pagina 3

Pagina 4